DIRITTO » Societa', Enti e Professionisti » Enti no-profit

Modello EAS: la presentazione è prevista entro il 31 marzo

25 Marzo 2021 in Notizie Fiscali

Gli enti e le associazioni senza scopo di lucro, che usufruiscono delle agevolazioni tributarie previste dall'art. 30, comma 1 del D.l. 185/2008, e che hanno subìto delle variazioni rispetto alla precedente comunicazione, devono informare le Entrate presentando un nuovo modello EAS. 

La comunicazione non va presentata: 

  • al sussistere di particolari ipotesi espressamente previste (ad esempio, variazione del numero degli associati ovvero dell’ammontare dei proventi dell’attività di sponsorizzazione);
  • per le variazioni relative al “Rappresentante legale” ed ai “Dati relativi all’ente”, già comunicati all’Agenzia delle Entrate tramite il mod. AA5/6 ovvero AA7/10. 

Soggetti obbligati a presentare il modello EAS

La legge prevede un trattamento fiscale di favore per gli enti associativi in possesso di determinati requisiti. 

In particolare, è prevista la non imponibilità, ai fini IRES e IVA, dei corrispettivi, delle quote e dei contributi (art. 148 del TUIR e art. 4, D.P.R. n. 633/1972)

Il comma 1 dell'art 148 recita testualemente: "Non e' considerata commerciale l'attivita' svolta nei confronti degli associati o partecipanti, in conformita' alle finalita' istituzionali, dalle associazioni, dai consorzi e dagli altri enti non commerciali di tipo associativo. Le somme versate dagli associati o partecipanti a titolo di quote o contributi associativi non concorrono a formare il reddito complessivo"

L’articolo 30, commi da 1 a 3-bis, del D.L. n. 185/2008 ha stabilito, però, che dal 29 novembre 2008, per beneficiare delle suddette agevolazioni, gli enti di tipo associativo devono trasmettere, in via telematica, i dati e le notizie fiscalmente rilevanti, mediante l’apposito modello EAS, al fine di consentire gli opportuni controlli

L'obbligo d'invio del modello: 

  • interessa, in generale, tutti gli enti privati non commerciali associativi (con o senza personalità giuridica) senza scopo di lucro costituiti a partire dal 29.11.2008 che intendono avvalersi dei benefici concessi dal regime fiscale di favore;
  • non riguarda alcuni specifici enti quali:
  • le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali che non svolgono attività commerciali diverse da quelle marginali (Dm 25.05.1995);
  • le pro-loco che, avendo realizzato nel periodo d'imposta precedente proventi inferiori a 250.000 €, hanno optato per il regime agevolativo (legge 398/1991); 
  • le associazioni sportive dilettantistiche registrate al Coni che non svolgono attività commerciale; 
  • le Onlus si cui al d.lgs. 460/1997. 

In generale, il mod. EAS va presentato entro 60 giorni dalla data d costituzione dell’ente. 

Dopo la presentazione del “primo” modello EAS, qualora siano intervenute variazioni dei dati precedentemente comunicati, è necessario inviare all’Agenzia delle Entrate un nuovo modello entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si è verificata la variazione 

Modalità di invio

Il modello EAS, prelevabile gratuitamente dal sito www.agenziaentrate.gov.it, deve essere trasmesso telematicamente all’Agenzia delle Entrate, direttamente o tramite intermediario abilitato. In quest’ultimo caso, l’incaricato rilascia al contribuente un esemplare del modello trasmesso e una copia della comunicazione dell’Agenzia delle Entrate. 

È possibile utilizzare il software messo a disposizione dall'Agenzia delle Entrate, chiamato “Modello EAS”. 

I commenti sono chiusi