FISCO » Agevolazioni per le persone fisiche » Le Agevolazioni per le Ristrutturazioni Edilizie e il Risparmio Energetico

ABI illustra le principali novità del superbonus

13 Novembre 2020 in Notizie Fiscali

E’ il primo documento ufficiale emanato da ABI dopo l’introduzione del Superbonus, misura che permette, qualora ricorrano le condizioni, di poter ottenere un beneficio fiscale sotto forma di detrazione pari al 110% e non solo. 

Nel documento grafico vengono affrontati alcuni nodi fondamentali connessi al Superbonus e soprattutto riferiti alle alternative possibili in luogo della fruizione della detrazione. come è noto, infatti, i lavori connessi con: 

  • il risparmio energetico (trainanti e trainati) e, 
  • con la messa in sicurezza sismica degli edifici, danno ai beneficiari, ex art. 119, co. 9, DL 34/2020, la possibilità di detrarre in sede dichiarazione dei redditi una somma pari al 110% della spesa sostenuta per detti interventi, ciò nel rispetto dei requisiti imposti agli interventi dalla normativa. 

In alternativa alla detrazione è possibile: 

  • richiedere uno sconto in fattura alle imprese che hanno eseguito i lavori, sconto che verrà poi recuperato dalle imprese stesse sotto forma di credito d’imposta in 5 quote annuali costanti, oppure decidere al loro volta di cedere ciò che è stato acquisito in origine dal contribuente/committente dei lavori. 
  • cedere l’intero ammontare della detrazione alle imprese che hanno effettuato i lavori, a soggetti terzi, anche estranei ai lavori medesimi o anche, in alternativa a banche ed intermediari finanziari. 

I soggetti elencati in questo secondo punto potranno recuperare la detrazione acquisita nello stesso modo di cui al punto precedente. 

Proprio in questo frangente, l’infografica ABI illustra quali sono le modalità di cessione della detrazione e come poter beneficiare di tale vantaggio alternativo alla detrazione del 110% (Ricordiamo che è comunque possibile non cedere solo le detrazioni che danno diritto al superbonus del 110% ma anche, è possibile cedere detrazioni connesse con il risparmio energetico, 65%, il bonus facciate, 90%, gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, 50% ecc… per una disamina dettagliata si veda l’art. 121, DL 34/2020)

Le banche, infatti, possono favorire la realizzazione degli interventi agevolati dal bonus fiscale in tre modi:1) scontando il bonus fiscale del cittadino (o condominio) che ha riqualificato l’immobile;

2) oppure, effettuando l’operazione di sconto in favore dell’impresa che ha realizzato i lavori e si è fatta cedere dal committente il bonus fiscale a fronte di una riduzione del prezzo in fattura;

3) concedendo, su richiesta dei clienti, finanziamenti ponte che poi possono essere estinti in tutto o in parte con la cessione del credito d’imposta alla banca concedendo, su richiesta dei clienti, finanziamenti ponte che poi possono essere estinti in tutto o in parte con la cessione del credito d’imposta alla banca

Un particolare importante

Si è parlato tanto di interventi gratuiti per “risistemare” gli immobili, ma dal documento grafico ABI emerge quanto segue:

Il beneficiario del Superbonus può optare per il trasferimento del credito d’imposta alla banca per ottenere liquidità immediata, senza la necessità di dover recuperare il beneficio fiscale nella dichiarazione dei redditi, a compensazione delle imposte da pagare nell’arco dei cinque anni successivi. Per poter cedere il credito d’imposta alle banche è necessario che siano state già pagate le fatture relative al saldo o agli stati di avanzamento dei lavori (SAL), che non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo e ciascuno dei quali deve riferirsi ad almeno il 30 per cento del medesimo intervento. 

Ergo, il ruolo delle banche, come evidenziato sarà quello di anticipare le somme a colui che cederà la detrazione, al fine del saldo delle stesse.

La documentazione necessaria alla banca

E’ assolutamente necessario, per godere del vantaggio della cessione della detrazione, poter dimostrare alla banca la titolarità dell’immobile (proprietà, uso, usufrutto o abitazione, locazione ecc…), ragion per cui, nella fase di avvio dell’istruttoria, sarà necessario aprire un fascicolo finalizzato alla raccolta di tutti quei documenti che sono generalmente necessari alla redazione della dichiarazione in caso di detrazione delle spese. In tale caso, diversamente gli stessi documenti saranno consegnati alla banca che li esaminerà ai fini della spettanza della detrazione e della correttezza della potenziale cessione della stessa.

Allegati:

I commenti sono chiusi